VETTURE N1

 

Le immatricolazioni autocarro hanno rappresentato un ‘caso’ per via dei numerosi tentativi di ottenere benefici fiscali per l’immatricolazione di un’autovettura. Gli autocarri (o camion) sono veicoli a motore destinati principalmente al trasporto merci. Il Codice della Strada (Articolo 47) li identifica come mezzi di categoria N, all’interno della quale vi sono quattro sottocategorie in base alla massa massima del veicolo. In passato, per via di un buco normativo, era piuttosto diffusa la pratica di immatricolare un’autovettura come autocarro, al fine di ottenere dei benefici fiscali. Lo scenario è cambiato nel 2006, quando il legislatore ha imposto parametri oggettivi per la classificazione – e quindi l’immatricolazione – degli autocarri.

REQUISITI PER L'IMMATRICOLAZIONE AD AUTOCARRO

L’Articolo 54 del Codice della Strada definisce gli autocarri come “veicoli destinati al trasporto di cose e delle persone addette all’uso o al trasporto delle cose stesse“. Come detto, questa tipologia di veicoli a motore rientra nella categoria N che l’Articolo 47 del Codice Stradale (‘Classificazione dei veicoli‘) identifica come “veicoli a motore destinati al trasporto di merci“. Per tanto, la normativa è piuttosto chiara: le autovetture (o gli autobus) sono veicoli destinati al trasporto di persone (e ricadono all’interno della categoria M) mentre gli autocarri sono adibiti al trasporto merci. In altre parole, a determinare la differenza tra le due categorie di veicoli è la loro destinazione d’uso. Va sottolineato come il Codice della Strada distingua chiaramente ‘destinazione’ e ‘uso’: la prima è “l’utilizzazione in base alle caratteristiche tecniche” mentre il secondo è “l’utilizzazione economica“. Inoltre, i veicoli “possono essere adibiti a uso proprio o a uso di terzi“. Per l’immatricolazione autocarro conto terzi occorre produrre la seguente documentazione: la domanda (tramite modello DTT2119), l’iscrizione all’albo trasportatori, la carta di circolazione (originale e fotocopia), copia del documento di identità e del codice fiscale e l’autocertificazione della Camera di Commercio. La pratica prevede anche tre versamenti: 10.20 euro sul c/c 9001, 32 euro sul c/c 4028 e un terzo sul c/c 121012 in base al tipo di targa. Un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate datato 12 dicembre 2006, emesso “al fine di contrastare gli abusi delle disposizioni fiscali disciplinanti il settore dei veicoli“, stabilisce un parametro oggettivo per l’individuazione di quei veicoli che, pur immatricolati all’interno della categoria N1, non possono essere considerati autocarri (a fini fiscali). Come si legge nel documento ufficiale, si tratta di veicoli immatricolati o reimmatricolati come N1, hanno un codice di carrozzeria F0, sono omologati per quattro o più posti a sedere e il rapporto tra potenza del motore e portata del veicolo è uguale o superiore a 180. Questo rapporto si calcola dividendo la potenza del motore (espressa in kW) per la portata (ovvero la differenza tra massa complessiva e tara).

Nel 2015, la Corte di Cassazione (sentenza n.14218/2015) si è espressa in materia, per dirimere la questione relativa alle autovetture immatricolate come autocarri. In sintesi, la sentenza afferma che un pick-up o un fuoristrada non possano essere immatricolati come autocarri, con i relativi benefici fiscali, poiché vengono a mancare i REQUISITI di COMPETENZA ed INERENZA. In altre parole, la destinazione d’uso del mezzo non è puramente strumentale (come invece avrebbe voluto dimostrare il ricorrente) e per tanto decade la possibilità di classificarlo come autocarro.

IMMATRICOLAZIONI AUTOCARRO ED AGEVOLAZIONI FISCALI

Come detto, il fenomeno delle immatricolazioni di autovetture come autocarri si basa soprattutto sulla possibilità di ottenere maggiori benefici dal punto di vista fiscale. Dopo il 2006, il quadro normativo si è fatto più chiaro, in base a quanto stabilito dal provvedimento citato in precedenza. I vantaggi che deriverebbero dall’immatricolare una vettura come autocarro si quantificano in un discreto risparmio sia sul bollo auto sia sul premio assicurativo. Per le autovetture, la tassa di possesso si calcola in base alla potenza (espressa in kW) del motore mentre per gli autocarri dipende dalla portata; è facile capire come l’espediente del ‘finto autocarro’ possa tornare utile per risparmiare sul bollo dei grandi SUV di grossa cilindrata. Per quanto concerne il lato assicurativo, i vantaggi sono relativi, in quanto – rispetto alle auto – un veicolo immatricolato come autocarro non potrebbe mantenere la classe di merito dell’intestatario. Di contro, il premio viene calcolato in base alla portata del mezzo e non alla cilindrata, come avviene invece per le auto. Per quanto riguarda l’IVA, le detrazioni immatricolazioni autocarro ammontano al 100%. Il costo di acquisto, invece, può avere una deduzione del 100% sul reddito (a differenza di quanto accade con le autovetture, la cui deducibilità è del 40%) ma è necessario dimostrare l’inerenza della destinazione d’uso, ovvero attestare che il mezzo è destinato ad un uno strumentale ai soli fini dello svolgimento di attività aziendali. Qualora ciò non sia possibile, perché il veicolo è destinato ad uno promiscuo (aziendale e privato), il proprietario deve rinunciare ad una parte dell’imponibile. Va inoltre ricordato che la prova di inerenza è un onere a carico del contribuente.

LE SANZIONI PER USO IMPROPRIO DELL'AUTOCARRO

Chi non rispetta le limitazioni immatricolazioni autocarro si espone al rischio di incorrere in una sanzione. Le violazioni possono essere di varia natura e sono elencate nell’Articolo 82 del Codice della Strada (‘Destinazione ed uso dei veicoli’). Questi stabilisce che gli autocarri possono essere utilizzati “in via eccezionale e temporanea” per il trasporto persone ma solo dopo il rilascio di un’autorizzazione, con il nulla osta del Prefetto, da parte dell’ufficio della Direzione generale della M.C.T.C. In generale, chi utilizza un veicolo per una destinazione d’uso diversa da quella indicata sulla carta di circolazione può essere sanzionato con il pagamento di una somma che va da 80 a 318 euro. Nello specifico, chi utilizza – senza aver ottenuto l’apposita autorizzazione – un autocarro per il trasporto di persone anziché merci incorre in una sanzione pecuniaria il cui ammontare va da 398 a 1.596 euro. In aggiunta, per entrambe le violazioni, il comma 10 dell’Articolo 82 prevede una sanzione accessoria che consiste nella sospensione della carta di circolazione per un periodo compreso tra uno e sei mesi; tale periodo passa da sei a dodici mesi in caso di recidiva.

L'AUTOCARRO NON E' UN GIOCO

Non è un mistero che molte persone, titolari di partite IVA o aziende, si intestino vetture dichiarandole beni strumentali, veicoli che devono servire per la propria attività lavorativa e per i quali si godono di svariati vantaggi, come abbiamo potuto vedere. Stando a sentire la Guardia di Finanza, tuttavia, la maggior parte di questi "autocarri" sono in realtà SUV di lusso, usati prevalentemente per diporto e dichiarati beni aziendali. Ai finanzieri, durante i servizi di pattuglia sulle strade principali che portano ai luoghi montani di villeggiatura, è addirittura capitato di fermare una BMW X5 piena di attrezzature per il kite surf, con a bordo una coppia sui 30 anni. Il conducente ha avuto la faccia tosta di dichiarare che era il suo campionario e che la fanciulla al suo fianco era la dipendente addetta al carico e scarico della merce, in minigonna e tacchi a spillo e di domenica. Eppure la norma parla chiaro. L'autocarro è destinato al trasporto di cose e può portare persone nel limite massimo indicato dalla carta di circolazione. Le persone, tuttavia, non sono parenti e amici, ma coloro che sono addetti al carico e scarico delle merci o attrezzature trasportate (a bordo non ci possono essere bambini o invalidi). Un organo di polizia, non è importante se il giorno sia feriale o festivo, che rilevi un uso indebito dell'autocarro, può contestare la violazione dell'art.82 del Codice delle strada (multe da 71 a 1.433 euro), con pena accessoria del ritiro della carta di circolazione da 1 a 6 mesi (da 6 mesi a un anno in caso di recidiva).

Il caso L200. Il problema di usare l'espediente dell'autocarro per spingere le vendite di alcuni veicoli è un problema serio, tanto che anche l'Autorità garante della Concorrenza e del Mercato è dovuta intervenire, tempo addietro, per un messaggio ingannevole della Mitsubishi Motor Italia, che pubblicizzava il suo pick-up L200 Double Cab come mezzo adibito al trasporto delle persone, anche minori, mentre faceva parte della categoria N1: era cioè un autocarro a tutti gli effetti. L'Autorità condannò la Mitsubishi Motor Italia a pubblicare a sue spese il disposto della sentenza sui principali quotidiani italiani.

 
 


RENAULT KADJAR
1.5 DCI 85KW BLUE SPORT EDITION EDC

48 mesi e 60.000 km



Anticipo 0

Canone mensile da € 450

Importo canone IVA esclusa


Più elegante e meglio rifinita della cugina Qashqai, la Renault Kadjar è figlia della proficua collaborazione Nissan-Renault. Un vero e proprio crossover medio con ottima abitabilità ed una grande capacità del bagagliaio. Gli interni offrono un ambiente accogliente per 5 persone con plastiche di qualità per la plancia e rivestimenti morbidi per i sedili. Il nuovo motore 1.5 DCI 115 CV permette di avere prestazioni migliori e consumi ridotti rispetto al modello precedente. Questa vettura può essere scelta per un Noleggio a Lungo Termine aziendale garantendo sempre un canone davvero competitivo e con la possibilità di avere tutte le agevolazioni fiscali del caso.

 


KIA SPORTAGE
1.6 CRDI MHYB 100KW BUSINESS CLASS 2WD DCT

48 mesi e 60.000 km



Anticipo 0

Canone mensile da € 479

Importo canone IVA esclusa


Giunta alla sua quarta generazione, Kia Sportage il crossover compatto della casa sudcoreana torna in una veste totalmente rinnovata, con un passo allungato di 30 mm ed un aspetto felino, per un Noleggio a Lungo Termine sorprendente. Un concentrato di forza e di sensualità, la nuova Kia Sportage è lunga 4,48 m, larga 1,89 m e alta 1,65 m. Del vecchio modello mantiene la sezione anteriore a naso di tigre, ma per il resto è stata totalmente rinnovata. Al di sotto della mascherina si erge fiera una grossa presa d'aria, che insieme ai fari affusolati e alla linea alta della cintura, conferiscono al modello quel pizzico di grinta in più. Le fiancate sono maestose e dinamiche, le finestrature generose ed abbondanti, per il retro un taglio più morbido, leggermente curvilineo e lo spoiler del tetto dona personalità e movimento. Per gli interni si è puntato sulla semplicità e sull'abbondante spazio. Materiali di pregio, sedili avvolgenti e regolabili, libertà di movimento per driver e passeggeri. La compatta accoglie abbondantemente 4 persone e può vantare un bagagliaio molto capiente che va da un minimo di 593 l ad un massimo di 1492 l. Pollice in su per la strumentazione tecnologica. Si parte con la doppia plancia per il sistema di infotainment con display da 7" o 8" con retrocamera per il parcheggio. Si continua con sistema informativo sul traffico e sugli autovelox, navigatore e il Blind Spot Detenction. Infine ma non meno importante, si conclude con la possibilità di poter ricaricare la batteria del cellulare semplicemente appoggiandolo al centro della consolle. Numerosi vani portaoggetti sono disponibili nelle portiere, nella sezione anteriore e sul retro dell'abitacolo.

 
Scheda Prodotto Global.pdf
 

SERVIZI SEMPRE INCLUSI NEL PREZZO



TASSA DI PROPRIETÀ (BOLLO), IMMATRICOLAZIONE E MESSA SU STRADA

Dimenticate la burocrazia necessaria a gestire una vettura in proprietà! Provvederemo al pagamento annuale della tassa di possesso.

GARANZIA ASSICURATIVA RCA (Responsabilità Civile Auto)
La società di noleggio copre tutti i suoi veicoli con la polizza assicurativa obbligatoria.

COPERTURA PER INCENDIO E FURTO
Grazie a questo servizio, la responsabilità è limitata alla sola franchigia (ove presente) evidenziata in scheda d'ordine.

COPERTURA DANNI ULTERIORI AL VEICOLO
Copre i danni derivanti da collisioni con altri veicoli o ostacoli con limitazione di responsabilità.

SOCCORSO E ASSISTENZA STRADALE
Assistenza su strada 24h su 24h in tutta Europa. Se non si può raggiungere l'officina, sarà possibile richiedere un carro attrezzi gratuitamente.

CONSEGNA VEICOLO A DOMICILIO
Il nostro vettore ti consegnerà l'auto nuova dove preferisci ed al termine del contratto verrà a riprenderla. Il tutto senza alcun costo aggiuntivo.

 

Eventualità di acquisto del vostro usato. Quotazioni di QUALSIASI VETTURA, di ogni marca, a vostra scelta. La possibilità di usufruire del servizio senza alcun anticipo è a discrezione della società di noleggio. Offerte particolari per partite IVA nella fase di START-UP.

Le immagini presentate in questa pagina sono solo indicative.

Per preventivi personalizzati consultare la pagina "PREVENTIVI" del sito. Gli importi delle offerte possono variare sulla base di diversi parametri quali, ad esempio, il colore (pastello o metallizzato), gli optional che si vogliono inserire, la durata ed il chilometraggio senza considerare l'ubicazione di chi richiede il noleggio.